lunedì, ottobre 31, 2005

Buongiorno mondo

Buongiorno mondo. Mi sono svegliata con in bocca il gusto di un sogno un po' strano, che ho prontamente rimosso dalla mia testa. Il punto è uno: me ne frego. Tutto quanto (prossimo slogan del sito, ma per ora lasciamo un po' questo loghettino di melina rossa da mordere e spaciuliare tutta).

Buongiorno mondo. Non è che poi tu mi faccia così schifo. Non è che poi se è come penso o meno mi interessi molto. Un sole che strega il grigio si è fatto odiare sin dai primi minuti del mattino, ma settembre si è sciolto, l'autunno bussa alle porte, con suoni di legna che si spezza e voglie invernali di fughe e calore.

Buongiorno mondo. Questa vita mi piace così in equilibrio su un filo sottilissimo, senza sapere cosa succederà se il filo si dovesse spezzare o io dovessi perdere l'equilibrio. Il buio totale dell'ignoto. Oh, dolce ignoranza! Proseguo avanti e se cado troverò una corda a cui aggrapparmi, o delle braccia in cui giacere inerme a fine caduta. Magnifica ignoranza.

Buongiorno mondo. Mi soffochi un po' con tutta questa vita da vivere, ho i pensieri confezionati in comodissime scatolette, come sardine. Le consegno ai committenti con ricetta allegata e istruzioni per l'uso. Ho solo un problema: alcune scatolette sono difettate nell'apertura e quindi senza un buon apriscatole è difficile farne uso. Ma anche questa mi sembra una buona cosa. Certi pensieri sono cibaria per pochi.

Buongiorno mondo. Sei delizioso, come cioccolato fondente da tenere tra i denti mentre con le mani disegno improbabili equazioni su un muro di specchi. Che delizia. Come sorseggiare questo campari mixX.

Buongiorno mondo. Ogni volta che mi va, avrai una canzone. Da cantare con me.
Rido perchè non ho più mal, non ho più da pensar, fuggo da me, solo trovar, non ho più nulla da cercar

giovedì, ottobre 27, 2005

Solo per palati fini

La Citazione per la bellissima Katia, che da oggi comincia ad ammucchiare il suo futuro, e che mi ha prestato questo bellissimo libro che mi sto sleggiuncchiando---
In realtà era una citazione per il mio anonimo commentatore Arancia rossa, cioè la trascrizione è nata così, ma mi dispiaceva troppo privare alcuni amici di queste belle parole, e quindi eccole qui in surplus............


" Ero assopito, la pendola mi ha svegliato. I primi colpi non li ho sentiti distintamente, voglio dire che non li avevo contati. Ma non appena ho deciso di contare mi sono accorto che ce n'erano già stati tre, e ho potuto contare quattro, cinque, eccetera. Ho capito che ho potuto dire quattro, e aspettare il quinto, perchè c'erano stati uno, due e tre, e in qualche modo lo sapevo. Se il quarto colpo fosse stato il primo di cui avessi avuto coscienza, avrei creduto che fossero le sei. Credo che la nostra vita vada così, solo se richiami alla mente il passato puoi anticipare quello che verrà. Io non posso contare i rintocchi della mia vita perchè non so quanti ce ne siano stati prima. D'altra parte, mi sono assopito perchè la sedia dondolava da tempo. E mi sono assopito a un certo momento, perchè c'erano stati dei momenti precedenti, e perchè mi lasciavo andare aspettando il momento sucessivo. Ma se non vi fossere stati i primi momenti a mettermi nella disposizione giusta, se avessi iniziato a dondolare in un momento qualsiasi, non avrei atteso quello che doveva venire. Sarei restato sveglio. Anche perchè per addormentarsi bisogna ricordare. O no? "

Umberto Eco - La misteriosa fiamma della regina Loana

martedì, ottobre 25, 2005

Le circostanze ho ucciso a pugnalate la decenza il mio mandante chi non bada all'apparenza, come movente mi obbligava a stare zitto e delle buste coi miei testi con su scritto arma del delitto,
ma qui' e' un delirio quale omicidio agente sono solo un capo espiatorio sono innocente date un occhio alla pubblicita'dei media la decenza e'morta di vecchiaia.

Articolo 31 - IL MOTIVO

Penso che..

Penso che finchè esisteranno programmi come "Uomini & Donne" in tv e masse abnormi di Donne li guarderanno il mondo non potrà che essere maschilista.

lunedì, ottobre 24, 2005

A 4 Anni fui rapita da un ombra

Ho smesso. Con il sonno chimico da un tot di anni, perché non sono mai stata capace di dargli un senso. Riusciva solo a farmi allontanare per un tempo limitato - tanto limitato da poterlo calcolare in precedenza con esattezza - da quel mondo parallelo in cui ho sempre vissuto, immersa e sommersa.
Ho un desiderio. Voglio che uno di questi esseri che nascono e muoiono nella mia testa senza nemmeno saperlo, si accampi qui vicino alla mia scrivania per darmi uno scappellotto ogni sera. Uno schiaffone di quelli pesanti, che ci si porta dietro per tutta la notte e che al risveglio ti danno l'impressione di sapere finalmente cosa vuoi e cosa devi fare. Se potessi. Avere ancora la possibilità di non pensare, di inghiottire un cilindro di verde speranza e scappare dalle mie fantasie.

sabato, ottobre 22, 2005

Mi piace l'iddilio ma non lo sposerei

Ogni rapporto ha bisogno dei suoi momenti di realtà.

venerdì, ottobre 21, 2005

Chi vorrei essere--- e chi sono

Mi piacerebbe chiamarmi Josephine, scritto così, avere 25 anni, essere laureata in Scienze del commercio equo-solidale , avere i capelli lunghi quanto i miei anni, aver fatto viaggi in tutto il mondo, per aiutare i poveri e i malati, raccontare le mie esperienze nei bar ad alta voce, e far venire a tutti la voglia di fare altrettanto, mi piacerebbe aver partecipato a tutte le manifestazioni per la pace, e le manifestazioni per le ingiustizie nel mondo, mi piacerebbe credere in Dio, mi piacerebbe potermi vantare di essermi costruita una vita da sola, delle idee da sola, mi piacerebbe aver letto miliardi di libri e ricordarli tutti, e parlare inserendo citazioni in ogni discorso, mi piacerebbe non conoscere nessuno, ma che tutti conoscessero me, mi piacerebbe essere nata a Parigi, avere un berrettino da poeta francese che mi ricordi la mia nonna, mi piacerebbe scrivere lettere in continuazione, a persone sconosciute, ma che sento vicino, mi piacerebbe poter vantare una grande rinuncia per il mio grande cuore e la mia immensa bontà....

E invece mi chiamo Giorgia, sono nata a Verona, ho 20 anni, sono al primo anno di Economia e management e chissà se mai mi laurerò, e se questo accadesse, da grande sarò una manager che manda avanti questo nostro sistema economico probabilmente neanche troppo bello, abito con i miei genitori, e seppure gli voglia un mondo di bene, non li aiuto mai a fare nulla, avevo un nonno, e mi scordavo di andarlo a trovare di continuo, di lui mi rimangono pochi ricordi, di viaggi ne ho fatti, trascinata dalla mia mamma che sognava un mondo diverso da quello in cui viviamo, gli amici veri li conto sulle mani della dita, perchè è giusto così, a volte sono egoista, egocentrica, e nevrotica, sogno troppo, mi perdo nei pensieri, sono pigra, mi piace quasi tutto, non ho una grande critica, ne per i fillm, ne per i libri, non credo nella cruda realtà, volubile e a volte lunatica, orgogliosa, non sopporto la mancanza di rispetto, non credo in Dio, dimentico pure di averli letti i libri, le idee che ho, me le ha inculcate mia mamma, attraverso le sue parole e la sua idea di farmi crescere, mi stufo a scrivere a chi non conosco, ho bisogno di qualcuno che tenga perennemente sveglia la mia curiosità.
Mi chiamo Giorgia, ho 20 anni e penso che virò sempre nel mio mondo di fantasia.


Attilio, o Attilio de giovanni io canto il tuo nome,

parola che mi apre le porte del paradiso, io non ti perderò mai,

lo vogliano gli Dei,

quando mi baci,

trottano fuori i cavalli dell'Apocalisse,

e se penso al tuo corpo, difficoltoso e vago la vertigine mi si porta via,

la tua divinità maschia ascende al cielo, sei bello,

tu...girasole impazzito di luce,

ogni volta che i tuoi occhi si sollevano,

si accende il firmamento.

Amici, ecco qui che la terra, come una madre,

allatta la sua creatura più bella,

o Amore ogni cosa al colmo del fervore,

dalla mia gola alle stelle si alza la parola,

come una cometa d'oro,

ti amo, voglio fare l'amore con te, adesso.


mercoledì, ottobre 19, 2005

Oggi

Ieri ho scitto una mail senza rileggerla.
Oggi ho raccontato cos'è per me la fame.
Oggi ho raccontato di cosa avrei bisogno.
Oggi ho raccontato come sono le persone che odio.
Oggi ho raccontato cos'è per me il melograno.
Oggi ho raccontato come mai mi perdo le lettere quando scrivo.
Oggi ho raccontato cosa sono per me i segni zodiacali.
Oggi ho raccontato che per me le persone non cambiano mai, se mai si intorpidiscono.
L'ho raccontato a ruota libera, ad una persona che non conosco ancora bene, ma che voglio conoscere, perchè già mi fa stare bene.



sono solo qui a guardarti in uno spruzzo di ricordi
e tu sei qui con me, faccio un brindisi per noi
a quando ti rincontrero' [v.c.]




Inutile far finta di nulla, ci sono certe sere in cui ti cade addosso una sensazione di straniamento, come se un qualcosa di ovattato ti abbraccia e tutto si attutisce. Anche i sogni, anche gli incubi.

domenica, ottobre 16, 2005

pillola di saggezza

Quando pensi di sentirti solo, ricorda che la tua anima è con te e ti accompagna sempre... ;p

giovedì, ottobre 13, 2005

Io...oggi




Immagino che se non siete qualche mia compagna di pallanuoto, non vi sarete mai sentiti dire, con addosso una maglietta che pesa più di te, ora fate 20 volte i 100 metri stile... bhè provare per credere..... Situazione psicologica a livelli disastrosi...
I primi 100 metri e già pensi che non ce la fai... i secondi cento metri... MA è PAZZO!!... I terzi.... visto che ci siamo andiamo... I quarti.... Un Quinto del lavoro è fatto... e poi piano piano passano le vasche... ti conti i respiri... prendi il ritmo... Senti le braccia che vanno, che girano, le gambe che battono automaticamente, vedi i numeri passare, canti tra te e te, ti chiedi cosa farai quando torni a casa, sogni... E arriva lal decima... La metà.. Pensavo peggio! Avanti.. la undicesima...Arrivi ad un punto in cui il tuo fisico non si ferma più...va ad oltranza...finchè ci sei lui va, prosegue, come un automa.. Il problema è arrivare a quel punto........ Ed è così che finisce, ti fermi, ti blocchi, incredula, soddisfatta, contenta, e ti senti più forte dentro e fuori.


E questo era ieri

Oggi: 6 ore di università, macroeconomia, storia economia, economia aziendale... E alle spalle 3 km di nuoto con tanto di maglietta. Quest'anno sarà durissimo.... Gli allenamenti sono distruttivi, la forza e il cuore non bastano più... Noi faremo ciò che potremo, siamo dei duri... ci piace eccellere...

Domani riposo universitario...se non fisico almeno mentale........!!

Amo il mio sport.
Non permettetevi mai di smettere di fare ciò che amate.

sabato, ottobre 08, 2005

Sonno

Sonno. Prendimi. E vestimi del tuo orgoglio.

mondanità mondanitezza?...il secondo..mi piace di più

E prendiamocelo questo tempo di vivere e respirare... Non zi può, vivere nel tumulto del caos..mi rifuto.... Terra terra ciò che penso? Nella vita non si può fare tutto ciò che si vorrebbe, anche se mi preoccupano questi raqgazzi del giorno d'oggi, che tutto quello che vorrebbero fare è strsene davatni al pc.... è un bel periodo...ho mille cose da fare..non lascio spazio ai pensieri, faccio ciò che devo fare senza lamenti o fankazzismi ulteriori, sto lasciando il mio cuore al mondo, pezzetto a pezzetto, a chi lo merita e a chi non lo merita, a chi lo sa e a chi non lo sa, in questo momento un pezzettone l'ha una persona specialissima "...e mi viene a cercare...", sai mia dolce fanciulla, ho pensato che alla fine l'amicizia non è che un postit (che si scriva così?) sul libro della vita, che non si toglie mai...immaginati questo librone infinito di pagine pagine, ormai logoro e sul davanti tutti questi piccoli postit (?) di colori sgargianti che sorridono e ti dicono apri la pagina che vuoi che tanto io ci sarò...ok visione un po troppo ottimistica dell'amicizia però mi piace, è una bella idea e la voglio condividere.........
stasera serata carina, allenamento infinito ma tanti sorrisi, dopo un bel Doner Kebab, serata al bar con 3 amici, un bella mezzapinta di slalom e 4 stronzate, bello veder sorridere gli amici, bello far sorridere il proprio cuore.
Oggi sono romantica e felice... Mi piace il mondo

Poi quel gelo (di fronte al quale non puoi fare nulla se non esserci) passa, e torna il calore, dolce al tatto e al gusto, all'udito e alla vista, che fa inevitabilmente inarcare le labbra in un sorriso a barchetta per poi spingerle in punto centrale, posizione ideale per schioccare un bacio.

Buonanotte a chi in questa notte sognerà

giovedì, ottobre 06, 2005

... incredula per questo mondo

Ho ricevuto una mail da un amico, che invitava a forwardare quella mail, che la microsoft avrebbe pagato per ogni invio una cifra di tipo 240 euro.... bhe che triste che è la vita quando ti ritrovi a chiederti com'è possibile che qualcuno abbia ancora speranza in queste stronzate.

domenica, ottobre 02, 2005

Visioni

E' un'immagine melensa, ma mi sono voltata verso la finestra ed ho visto la luna fare capolino tra due palazzi. E non mi è parso vero.
Ma quando ho deciso di guardare ancora era già sparita dietro il cemento.
Un po' come certe persone. Le vedi e quando ti volti nuovamente sono già andate via. Per chissà dove, per chissà quanto tempo.

Per le persone che nel mio cuore entrano, per coloro che escono e per coloro che ci saranno sempre....